Sponsorizzazioni

SCOTT-SRAM MTB Racing Team Sponsoring – la storia di successi continua

Già da diversi anni la Direct Handling AG promuove il team svizzero di mountain bike che annovera tra le sue fila i migliori professionisti e le nuove leve di maggior talento in questo sport. Alla Scott Odlo i giovani ciclisti non solo raggiungono i primi posti al mondo sotto la guida di un team manager del calibro di Thomas Frischknecht, una leggenda della mountain bike, ma possono anche imparare dai migliori professionisti MBT della Svizzera. Oltretutto con prospettive molto promettenti, dato che nel team figurano Marcel Wildhaber, Andri Frischknecht, Jenny Rissveds, Nino Schurter e Michiel van der Heijden. Tramite newsletter la Direct Handling AG informa gli appassionati di mountain bike delle attività, delle gare e delle prestazioni di questo straordinario team.


Condividete anche voi la vita quotidiana dei professionisti di mountain bike.
La nostra partnership incontra l’entusiasmo di tutti gli appassionati di mountain bike: già da sette anni Direct Handling sostiene il team vincente creatosi attorno a Nino Schurter e Jenny Rissveds che hanno vinto ai giochi olimpici di Rio. Sotto la guida di un team manager del calibro di Thomas Frischknecht, una leggenda della mountain bike, questi giovani campioni inseguono con impeto un successo dietro l’altro. Moritz Mühlebach, amministratore delegato di Direct Handling e anche ciclista appassionato di mountain bike, è legato a Thomas Frischknecht da una lunga amicizia che risale alla loro infanzia. Nello sport come nella sua azienda egli punta a promuovere il talento e non nasconde il suo orgoglio di poter sostenere con Direct Handling questo team dai risultati incredibili.

NINO SCHURTER - di nuovo campione del mondo

12. febbraio 2020

Ce l’ha fatta ancora - 5 volte di fila e in totale già 8 volte. NINO Schurter è e resterà il nostro campione del mondo. Incredibile! Mont Sainte-Anne, Canada. In una delle coppe del mondo più difficili della storia NINO Schurter ha dimostrato ancora un volta di essere il numero 1 tra gli atleti del cross-country olimpico (XCO).